Germania, Cdu vince perché domina l’Ue

14 maggio 2017 | Attualità , Politica | di Cesario Picca | 0 Commenti

È a dir poco sorprendente la meraviglia di fronte alla vittoria imponente e inarrestabile della Cdu di Angela Merkel che sta stralciando i socialdemocratici del boscaiolo Martin Schulz. In Nordreno-Westfalia, il Land più popoloso della Germania, dove la Spd governa quasi ininterrottamente da mezzo secolo, i socialdemocratici sono precipitati al 30% segnando il peggior risultato della storia. Dalle elezioni di marzo in Saarland, passando per il voto in Schleswig-Holstein, fino ai risultati di oggi il successo della Cdu è crescente. La meraviglia per la vittoria della cancelliera spetta solo a coloro che finora hanno evidentemente finto di non vedere cosa è accaduto nel vecchio continente laddove i nipotini di nonno Adolf stanno dominando compiendo con quell’arma di distruzione di massa di nome euro ciò che con i cannoni, le fucilazioni e gli stermini di massa non è riuscito al loro illustre predecessore. La Germania, che ha perso la guerra, non solo non ha pagato dazio per gli ingenti danni provocati, ma addirittura comanda questa farneticazione burocratica denominata Ue. Da decenni decide le sorti degli altri Stati europei, specie di quelli che hanno fatto la storia come Italia, Spagna, Portogallo e Grecia, con le sue scellerate politiche economiche ha ridotto le genti altrui alla fame, ha provocato una crisi che sta distruggendo speranze e risorse negli altri Stati ma non in Germania dove tutto è più florido di prima. E l’ultima minaccia, i migranti, è stata tenuta a debita distanza, lontana dai propri confini nazionali lasciando ad altri, nella fattispecie all’Italia, l’incombenza di affrontare questo inutile e costosissimo esodo che rischia di far esplodere bombe ben più gravi se non si troverà una soluzione credibile e futuribile che nulla abbia a che vedere con l’emergenza. Ovvio che un elettore tedesco nulla potrebbe sperare e chiedere di più ai propri rappresentanti che già non abbia ottenuto dalla sua cancelliera a spese degli altri partner(?) europei.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*