Occidente, dittature e l’illusione della democrazia

20 dicembre 2014 | Attualità , Politica | di Cesario Picca | 0 Commenti

dittatura1 A mio avviso non ci sono dittatori buoni o simpatici e dittatori sanguinari e malvagi perché altrimenti avremmo a che fare con un ossimoro. Solo gli uomini, ma quelli sciocchi, fanno queste distinzioni che la storia ha sempre smentito senza appello. Probabilmente neppure Fidel Castro può essere considerato un ‘bravo’ dittatore anche se in tanti provano a far passare questo messaggio. Però c’è da dire che neppure quelli che si definiscono democratici e liberali paiono meno dittatori del compagno Fidel. Perché almeno il cubano sa con chi ha a che fare e da chi guardarsi. Sa chi, eventualmente, lo opprime e potrebbe sopprimerlo nel momento in cui dovesse manifestare un pensiero diverso. Ma noi occidentali, che ci crogioliamo nell’illusione della democrazia, siamo sicuri di essere realmente liberi? O piuttosto non facciamo i conti con un dittatore peggiore, subdolo, più malvagio di quanto non possa essere Fidel? Un paese che non dà ai suoi cittadini la sanità e che li lascia in mezzo a una strada alla prima difficoltà o che rinchiude i nativi in riserve relegandoli a fame ed emarginazione non mi pare meno dittatura di quella di Fidel che almeno la sanità la offre a tutti i suoi cittadini. Non mi dà l’impressione di un paese democratico quando impone agli altri con la forza le sue regole. E non mi pare democratico quando impedisce a un popolo di autodeterminarsi e per 60 anni gli oppone l’embargo. E non mi pare democratico quel paese che mantiene lo status quo sulla pelle dei suoi cittadini ‘inventando’ attentati. Perché ancora nessuno ha saputo spiegarci cosa è stato davvero l’11 settembre. O cosa è successo a piazza Fontana, o cosa è accaduto alla stazione di Bologna, o in piazza della Loggia e via dicendo. Se la storia venisse scritta senza infingimenti probabilmente i tanti eroi che finora abbiamo conosciuto non sarebbero più tali. Probabilmente dovremmo ripensare la figura del grande Peppino Garibaldi che ha depredato il Sud di ricchezze e storia così come quella di Nelson Mandela che non è riuscito ad emancipare i suoi concittadini neri ma in compenso ha lasciato una fortuna ai suoi numerosi figli. Ma una storia senza infingimenti toglierebbe quelle sciocche certezze su cui poggia il pensiero unico massificato dei nostri tristi tempi.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*