Responsabilità dei magistrati o solita bufala?

25 febbraio 2015 | Attualità | di Cesario Picca | 0 Commenti

legge Mi chiedo se la tanto decantata legge sulla responsabilità civile dei magistrati sia l’ennesima bufala per distogliere l’attenzione della gente dai problemi veri e dalle reali gravi mancanze o sia davvero l’inizio di un percorso che metta dei paletti alla pericolosa deriva di onnipotenza della magistratura. Perché sarebbe davvero bello sapere che anche i giudici possano pagare per gli errori commessi come accade a tutti i lavoratori di questo mondo. Perché sarebbe bello sapere che se un magistrato tiene nel cassetto una certa pratica in attesa che il reato si prescriva, magari per fare un favore a un suo amico o a una parte politica amica o semplicemente per inerzia alimentata dalla consapevolezza di non doverne dare conto, poi ne possa rispondere con il suo stipendio. Così come sarebbe bello vedere che un giudice risponda della sua tendenza a inerpicarsi in interpretazioni fantasiose della legge facendo magari del male e arrecando danni inimmaginabili. Poi però penso che a giudicarlo saranno altri suoi colleghi, gente che appartiene alla stessa casta, e mi viene tristemente alla mente quel famoso detto secondo il quale ‘cane non mangia cane’. In vent’anni di lavoro di cronista giudiziario ne ho viste davvero tante da non riuscire a pensare per il meglio. E lo dico con tutto il rispetto che nutro nei confronti di alcuni magistrati e giudici, consapevole dell’importanza dell’indipendenza della magistratura.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*