Usa, Trump meglio della Clinton

26 luglio 2016 | Attualità | di Cesario Picca | 0 Commenti

donald-trump.jpgGuardi Hillary Clinton, pensi alla sua potenziale elezione a presidente degli Usa e ti pare di essere in un incubo dal quale vorresti svegliarti subito. Guardi Donald Trump e le sensazioni non sono migliori. Se fossi sulla famosa torre non sapresti davvero chi gettare. Però la realpolitik ti impone una scelta e se fossi un elettore americano voterei decisamente per Donald Trump. D’accordo, dice un po’ di cazzate, ma pensare che la Clinton sia migliore perché si trattiene significa guardare il dito che indica la luna. Della Clinton conosciamo abbastanza per credere che non sia la scelta più sensata se davvero cerchiamo un mondo diverso. Sfido chiunque a dire cosa ricorda di buono di questa donna che per otto anni è stata accanto al presidente con la mutanda più veloce del West e da allora ha fatto della politica l’attività principale per il suo esclusivo bene. Di Donald Trump, a parte le sparate, sappiamo che è un magnate e ha fatto soldi. Non l’abbiamo conosciuto come politicante e un’occasione gliela si potrebbe dare. Il fatto che non sia politically correct non è un difetto, anzi sarebbe un pregio se cominciassimo ad abituarci e a pretendere la verità e non le prese per i fondelli. E il fatto che i potentati di ogni dove lo osteggino vorrà pur dire qualcosa. Del resto l’unico vero candidato in questa kermesse era senza dubbio Bernie Sanders, ma sappiamo come è finita. L’altro giorno il poveretto pareva l’incarnazione delle pasticche di Tavor e Malox che è stato costretto a ingerire per invitare dal palco di Philadelphia a votare per la Clinton e i suoi sodali che tanto hanno fatto, e non c’era bisogno del Washington Post, per danneggiarlo alle primarie. E ora mi godo lo spettacolo dei tanti che pur di non votarlo si cimenteranno nel meglio del tafazzismo.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*